Il brand degli etruschi

13 ottobre 2018

L’idea è di Toscana Promozione, l’agenzia di promozione turistica della regione Toscana, ed è originale: per una volta infatti la regione più attenta alla valorizzazione della “toscanità” in ogni spazio della vita culturale, dall’arte alla letteratura alla cucina, promuove un aspetto della Toscana meno noto: la regione è stata anche terra etrusca, e la cultura etrusca è di gran lunga meno nota e per questo più affascinante. Dunque – nell’ambito della tradizionale fiera del turismo di Rimini – l’idea è stata quella di “rilanciare gli etruschi” con quella che gli addetti ai lavori chiamano con orribile neologismo il “rebranding” di un marchio: “Gli Etruschi: Antico Popolo Contemporaneo”.

Il progetto di promozione turistica mira alla (ri)scoperta del patrimonio archeologico di questo antico popolo italico attraverso vari canali, dagli audiolibri a un videogioco, da “videopillole” diffuse sugli immancabili social network realizzate in collaborazione con i siti museali. Disse un etruscologo francese che almeno “per due volte nel VII secolo a.C. e nel XV d.C., pressoché la stessa regione dell’Italia centrale, l’Etruria antica e la Toscana moderna, sia stata il focolaio determinante della civiltà Italiana”.Dunque occorre conoscere questi luoghi.

Una delle strade, molto di moda, è quella di percorsi di trekking o in bicicletta nelle terre etrusche tra Piombino e Volterra, passando per Vetulonia, Populonia e Baratti. O attraverso le Vie Cave della Maremma Toscana, che offrono l’opportunità di camminare in un ambiente di grande impatto e fascino.

Miranda Guterres