In Lettonia a sentire Vivaldi

25 giugno 2019

Una vacanza in Lettonia? Una recente indagine ha mostrato che alcuni Paesi europei – molto meno attrezzati dell’Italia quanto a bellezze artistiche e naturali – riescono ad attrarre i turisti più di quanto riesca a fare il nostro Paese. Uno di questi Paesi è la Lettonia, una delle Repubbliche baltiche, territorio ex sovietico poco noto per noi.

L’unico nome lettone che viene in mente – e nemmeno a tutti – è quello di Dombrovskis, il commissario europeo che spesso ha qualcosa da dire sui conti pubblici italici. Ma la Lettonia non è solo il severo censore delle nostre manovre economiche.

Arrivarci è facile, con diverse compagnie tra cui Airbaltic, che per un viaggio andata e ritorno dal 9 al 16 luglio vi chiede poco più di 200 euro. I biglietti dei mezzi pubblici, che funzionano bene, costano relativamente poco: con 10 euro fate un abbonamento per una settimana su tutti i mezzi pubblici. E poi per dormire potete spendere dai 20 ai 150 euro per una stanza doppia, dipende dai vostri gusti e dalle vostre esigenze.

Ma che fare poi a Riga?

Per esempio dal 10 al 13 luglio si tiene nelle chiese e nel palazzo barocco di Rundale, a Riga un raffinatissimo festival musicale, con concerti di musica classica, da Purcell a Vivaldi passando per Gluck ed Handel. E’ anche il periodo di fioritura delle rose e l’ente del turismo lettone invita ad assaporare questa doppia ondata di sensazioni.