La Goccia: il silenzio è una risorsa

10 agosto 2018

In una gelida notte di marzo 2010 cento esperti di marketing finlandesi si sono riuniti nel ristorante Sea Horse di Helsinki con l’obiettivo di trasformare un paese di medie dimensioni e piuttosto isolato in un’attrazione turistica mondiale… Sorseggiando i loro drink gli esperti hanno passato in rassegna i punti di forza: insegnanti eccellenti, una grande abbondanza di funghi e frutti di bosco, una capitale piccola ma culturalmente vivace. Niente di particolarmente irresistibile…

Qualche mese dopo la commissione ha redatto un rapporto sul marchio paese che elencava tutte le caratteristiche nazionali che si potevano sfruttare per fini commerciali. Uno dei punti principali era completamente nuovo: il silenzio… Il rapporto diceva che “il silenzio è una risorsa… In futuro la gente sarà disposta a pagare per vivere l’esperienza del silenzio”.

(Daniel A. Gross su “Internazionale” del 21/11/2014)

Le Gocce sono scelte da Mariletta Caiazza

La Goccia: like a Rolling stone

1 giugno 2018

Don De Lillo lo dice chiaro: “Like a Rolling Stone è un’intera età lunga quarant’anni, incanalata attraverso quella canzone. E poi c’è quel ritornello, “How does it feel?”, che in quattro parole trasmette ciò che pochi scrittori, poeti, registi o musicisti possono fare. E’ una cosa straordinaria”.

…Non c’è alcuna pietà in quella domanda…. punta dell’iceberg di un disagio diventato ingestibile, ingovernabile; la rivelazione di una precarietà inedita, improvvisa, che rotola a valle e sembra senza fine.

(Pierluigi Palma su Alias, supplemento del Manifesto)

Le Gocce sono scelte da Mariletta Caiazza

Amico?

19 maggio 2017

Il mio amico? Quale amico? Sono vent’anni che non ci parliamo!”

In realtà, da tanti anni, ogni volta che menzionavano davanti a lui il nome di Mourad e gli chiedevano se lo conoscesse, rispondeva invariabilmente: “E’ un amico del passato.” Spesso i suoi interlocutori supponevano che intendesse dire “un vecchio amico”. Ma Adam non sceglieva le parole alla leggera. Mourad e lui erano stati amici, poi avevano smesso di esserlo. “Amico del passato”, dal suo punto di vista, era l’unica formulazione adeguata.

 

(Amin Maalouf, “I disorientati”)

Le Gocce sono scelte da Mariletta Caiazza

Mode per giovani turisti

Quest’estate la moda dei ragazzi in giro per il mondo sembra essere almeno meno pericolosa. La parola balconing, oltre ad indicare l’attenzione al decoro di cui ci parla la Goccia di oggi, è divenuto tristemente noto in Spagna qualche anno fa.

Fu il quotidiano El Mundo a coniarlo, o a diffonderne la notorietà, quando dai balconi delle Baleari cadde un giovane inglese ubriaco. Per “balconing” si intende, in questa accezione, il salto da un balcone all’altro, o da una finestra all’altra, o direttamente in piscina. Quest’anno pare che la moda sia meno pericolosa: sdraiarsi a testa in giù su un monumento, e farsi fotografare da sotto. Si chiama Planking.

La foto viene poi postata sui social network. E così capita di vedere nelle nostre città d’arte giovani distesi su un muretto, su un prato, sulla scala mobile, su una fontana, che guardano l’obiettivo. A Roma, ha raccontato il quotidiano Il Messaggero, un giovane turista si è sdraiato in mezzo alla strada, tra le automobili, per farsi una foto e finire su Facebook. 

 

Eliana Giglioli