La sentinella delle Dolomiti

13 luglio 2019

Carlo Budel ha lasciato il suo lavoro a 42 anni, insofferente alla routine quotidiana, anche se non è che abbia passato la prima parte della sua vita nel caos e nel traffico, essendo vissuto tra il Trentino e il bellunese. Ma non ce la faceva più ed ha deciso di andare a vivere a più di 3000 metri, a san Greorio delle Alpi, nella casa che fu dei nonni materni. Oggi gestisce la Capanna Punta Penìa, il rifugio più alto della Marmolada, ed ha scritto un libro. Perché – scrive – “è la montagna che mi ha insegnato a superare le prove più difficili. La montagna ti insegna a fare le cose una alla volta, un passo alla volta, con il tuo ritmo e le tue forze, appoggiando saldamente un piede dopo l’altro, per non scivolare e avanzare diritto”.

Budel ha vissuto oltre 100 giorni da solo, in montagna, nel punto più alto di quel monte, la Marmolada, regina delle Dolomiti . Tutto, a 3.343 metri d’altezza, acquista un sapore estremo, dall’esplosione di colore dell’alba, alla terribile forza dei temporali e del vento. Stando sospesi tra terra e cielo, in certi momenti sembra di toccare con mano il confine tra la vita e la morte. Straordinaria la foto di copertina del libro

Carlo Budel, La sentinella delle Dolomiti, Ediciclo editore

La via dei Sassi

18 gennaio 2019

La via dei canti raccontata da Chatwin viene evocata in un volume che parla non delle vie dell’Australia ma di un modo per arrivare da Bari a Matera senza passare per la costa, e anzi voltando le spalle all’Adriatico. Lo propone Andrea Mattei, che è autore di un libro che parla proprio di questa strada come di un percorso antico, di un ambiente selvaggio, che “si innalza sopra le mete tradizionali e più scontate del turismo di massa”.

Il libro si chiama “La via dei Sassi” ed Ediciclo la fa trovare in libreria nell’anno di Matera capitale europea della cultura. Si parte dalla basilica di San Nicola, nel capoluogo pugliese, per arrivare nella città dei Sassi in sette giorni a piedi.

Si attraversa la “Puglia più vera” che poi diventa Basilicata, si attraversano la storia, la natura, le leggende popolari. Si passa in mezzo agli uliveti e si rivivono miti antichi per arrivare a Matera, “città a due dimensioni, culla di storia e laboratorio di nuove idee”.

La via dei Sassi, da Bari a Matera Lungo il cammino materano, Andrea Mattei, Ediciclo, 2018

Dolomiti accessibili

2 agosto 2018

E’ in libreria Dolomiti insieme, di Emanuela Sanna. Si tratta di una guida alle escursioni tra boschi e vette nei pressi di Cortina d’Ampezzo, riservata soprattutto agli inesperti, quelli che si sono arresi dopo aver scoperto che i sentieri montani che avevano intrapreso non erano esattamente per dilettanti. Questa guida, che è una riedizione aggiornata e rivista, propone per esempio nuovi itinerari, dieci per l’esattezza, che vanno oltre i consueti percorsi da Cortina: la val Vadia, la val Pusteria, il Comelico, il monte Civetta.

Emanuela Sanna non è esattamente una guida alpina: è una giornalista che oggi è molto lontana dalle Dolomiti, visto che lavora per uffici stampa a Roma per diversi deputati e senatori. Ma ha la passione per le vette ed ha pensato di dedicare alla gente di città, ai bambini, a quelli che non possono affrontare difficoltà troppo elevate questo libro, che offre oltre cento itinerari diversi spiegando che in realtà le vette più belle del mondo, le Dolomiti Ampezzane, sono davvero accessibili a tutti.

Dolomiti insieme, Emanuela Sanna, Ediciclo Editore

Valeria Palumbo

Sotto il cielo dell’Australia

15 febbraio 2018

Mauro Buffa è un giornalista che oggi dirige un istituto culturale a Trento e che soprattutto ama viaggiare. Ha già scritto reportage di viaggio (sulla Transiberiana, sulla Transmongolica, sugli Stati Uniti). Stavolta l’editore Ediciclo ci offre il suo reportage sull’Australia, che cinquanta anni fa era una meta anche di italiani, come testimoniato anche da un film Bello onesto, emigrato in Australia sposerebbe compaesana illibata.

Oggi, come ci spiega Buffa, se volete andare lì per lavorare dovete sapere che si trovano lavori di basso livello oppure superspecializzati: insomma, manodopera per lavori agricoli o in luoghi sperduti, come l’interno, molto più duro della costa, oppure medici o ingegneri specializzati, per esempio in biotecnologie.

Il libro è bello per conoscere meglio un Paese che è un continente attraverso mezzi come il treno o gli autobus di linea.

Sotto il cielo dell’Australia, Mauro Buffa, Ediciclo

Miranda Guterres