Arte all’aeroporto

26 giugno 2019

Ormai ogni luogo – ospedali, palazzi, fabbriche – può diventare sede di installazioni artistiche.

Quella che si vede qui è presso il parcheggio-garage per soste di lungo termine dell’aeroporto di San Francisco.

san francisco coding

L’installazione “Coding”

 

E’ una installazione basata sulla luce, sponsorizzata da una azienda americana che fa parte del gigante del settore Osram. A mettere in piedi l’opera l’artista Johanna Grawunder (https://www.grawunder.com).

Si chiama “Coding”, e l’idea è quella di usare la tecnologia led per creare qualcosa che è visibile sia di giorno che di notte, incrociando le luci con le strutture di vetro e di acciaio dell’edificio, i suoi specchi e le sue finestre, per suggerire punti e linee, un po’ come nel codice Morse. Quel che si legge – per chi conosce quell’alfabeto – è sempre “San Francisco”.

Dice la Grawunder che “siamo nell’era del coding” e “mi piaceva l’idea di rappresentare i vari luoghi di San Francisco con questo linguaggio, usando luci, colori, materiali che riflettono. La stessa esperienza visiva si fa anche all’interno degli ascensori dell’aeroporto.

Così l’aeroporto – dicono i promotori dell’iniziativa – non è solo un posto in cui si arriva o da cui si parte ma una destinazione per installazioni artistiche aperte a tutti quelli che passano di là. Installazioni che rimarranno per sempre – o almeno fino a quando non si deciderà di metterci qualcos’altro – in quell’edificio.