Filippine, paradiso ancora sconosciuto

26 aprile 2017

Dire Filippine vuol dire oltre 7000 isole. Molte tra queste isole offrono spiagge bianche e mari color turchese, dei veri paradisi. Le Filippine sono ancora relativamente sconosciute agli italiani (lo scorso anno, record, sono arrivati lì in 26 mila contro i circa 250 mila che ogni anno vanno in Thailandia) ma sono una meta turistica di tutto rispetto, soprattutto per i cinesi. Tra gli europei troverete lì soprattutto inglesi, tedeschi e francesi.


Se non volete volare su Manila alcune compagnie – come Singapore Airlines – vi permettono di arrivare direttamente in isole come Palawan, una di quelle più belle. Ma se volate sulla capitale (Air France e Lufthansa vi portano a Manila con scalo in circa 11 ore) non mancate di girarla, perché è ricca di cose da vedere.
Da lì potete prendere un volo interno o addirittura scegliere il traghetto, se amate l’avventura (il viaggio dura almeno 20 ore).

Una volta a Puerto Princesa, capitale dell’isola, non vi resta che individuare la spiaggia che fa per voi. Una di quelle che sono considerate da sogno si chiama El Nido, ma arrivarci vuol dire fare altre sei ore di macchina da Puerto Princesa (o prendere un aereo da Manila che vi porta abbastanza all’aeroporto di El Nido). La barriera corallina, qui e in tutta l’isola, è praticamente intatta
Altre isole famose: Boracay (detta l’Ibiza d’oriente), Pandan Island, Cabilao e Cebu (qui sotto).

cebu-siland

 

I prezzi per dormire e mangiare sono decisamente abbordabili: un resort di lusso, il più caro a Cebu, con vista mare e spiaggia privata offre stanze doppie a meno di 100 euro a notte,

Se state per meno di 21 giorni non serve il visto. Il periodo migliore per andare va da dicembre a maggio, quando non è stagione di tifoni.

Valeria Palumbo

Disney a Shangai

21 gennaio 2016

 

Non sarà certamente il primo motivo per andare a Shangai, ma se ci andate ve lo raccontiamo. La Walt Disney Company e lo Shendi Group di Shangai hanno annunciato qualche giorno fa che il 16 giugno prossimo verrà inaugurato con una grande cerimonia lo Shanghai Disney Resort. La struttura sarà la prima destinazione cinese Disney, e i personaggi classici del mondo Disney saranno – si spiega – “su misura per il popolo cinese”, con tanto di castello . Ovviamente la struttura includerà una Disneyland, con diverse aree tematiche, almeno due hotel (uno porterà il nome di Toy Story Hotel), un centro commerciale denominato Disneytown, con numerosi ristoranti, un gran teatro dove tra l’altro sarà messa in scena una versione in mandarino del Re Leone. E naturalmente un presumibilmente enorme Disney Store. 

Sabrina Gervasoni

In Libano, a parte i rifiuti

Sul sito Viaggiaresicuri del Ministero degli esteri italiano un “avviso” informa i turisti intenzionati a visitare il Libano che occorre essere prudenti per via di alcune manifestazioni di protesta che si sono verificate nel corso del fine settimana “davanti al Grand Serail, nel centro città di Beirut (Down Town), sfociate in scontri con la polizia. In vista di nuove manifestazioni, si raccomanda ai connazionali di evitare i luoghi delle proteste e gli assembramenti”.

Ma di cosa si tratta? Di proteste che abbiamo visto anche in Italia: il governo è accusato di aver lasciato Beirut sepolta dalla immondizia. Non se ne parla molto sui giornali italiani con qualche eccezione. Ma la storia è facile da capire per noi italiani: a causa della chiusura di una discarica ormai riempita fino all’orlo, nel Paese non si raccoglie l’immondizia da oltre un mese. Il rischio è anche quello di una crisi sanitaria. Le manifestazioni e la risposta delle forze dell’ordine sono state abbastanza violente, visto che si parla di centinaia di feriti. 

Ma il dato di fatto è che oggi il Libano – “monnezza” a parte – è un Paese relativamente sicuro. Ovviamente occorre considerare che nei luoghi molto affollati è bene stare attenti, che ci sono stati attentati da luglio 2013 ad agosto 2014 anche piuttosto sanguinosi e che è bene evitare Tripoli, la valle della Bekaa e il confine con la Siria. 

Qualche giorno fa Al Jazeera ha diffuso un bel servizio su un ostinato ristoratore che proprio nella valle della Bekaa non vuole chiudere la sua attività. I tavoli sono quasi tutti vuoti ed è un peccato, per un’area così bella. Non vi consiglieremo di andarci. Ma a Beirut, un salto potete farlo. Non sarà sicuro come Roma, ma neppure Parigi e Londra ormai sono sicure veramente. E persino le montagne e i boschi sotto il monte Libano sono oggetto di investimenti in “ecoturismo”, da qualche anno.

Insomma, perché non provarci in settembre? 

 

 

L’Iran che apre ancora di più al turismo

L’Iran non è un Paese chiuso al turismo. Nel 2014 per esempio hanno visitato questo Paese circa quattro milioni e mezzo di stranieri. Molti arrivano dai Paesi vicini, ma non pochi vengono dai Paesi europei. E i dati di questi ultimi hanno avuto un balzo significativo nell’ultimo anno, dall’elezione del Presidente Rohani: i tedeschi, dicono le autorità iraniane, sono saliti del 200 per cento, gli europei in generale del 240 per cento-

Ovviamente ci sono aree che è prudente non andare a vedere: tutta la zona attorno ai confini con l’Iraq e con l’Afghanistan sono aree non certo sicure. E tuttavia le autorità iraniane spesso ricordano che il loro Paese è la diciassettesimo posto nella graduatoria delle destinazioni sicure del pianeta. 

Nelle ultime settimane la stampa iraniana ha dato anche molto risalto alla visita di numerosi manager del mondo alberghiero europeo, americano ed arabo in visita nel Paese per fare investimenti. Non sono stati fatti i nomi, ma si è parlato di un marchio di fama mondiale, proprietario di oltre 150 alberghi di lusso nei cinque contininenti, famoso per i suoi servizi  e la sua ospitalità.

Ma cosa c’è da vedere in Iran? Intanto va ricordato che ben 17 siti iraniani sono patrimonio dell’umanità riconosciuto dall’Unesco. Potrete visitare l’antica Persepolis, fondata da Dario cinquecento anni prima di Cristo oppure un sito che risale all’età del Bronzo, Shahr I Sokhta

Potete andare a Tabriz, che fu capitale di un impero attorno al 1200 e che conserva una moschea di duecento anni successiva o perdervi nei Musei di Teheran e nei palazzi della capitale. Andare a Shiraz per la poesia o i giardini a o vedere le meravigliose moschee di Isfahan. 

Da qualche anno, se si va per turismo, il visto, pur necessario, viene rilasciato direttamente all’aeroporto di arrivo. La Farnesina però avverte che non si ha la “garanzia” che venga rilasciato. Per cui vi conviene comunque chiederlo prima in ambasciata o al consolato. 

Per arrivarci, dall’Italia c’è la Turkish Airlines, che con scalo a Istanbul vi porta in Iran con meno di 500 euro andata e ritorno. 

Ricordate che è una repubblica islamica. Per esempio: non è consentito salutare una donna stringedole la mano. 

My favourite place in Baghdad

Libri di tutti i tipi, per tutti i gusti, a Mutannabi Street, a Baghad. Un bel servizio video, con la voce di qualche iracheno, sulla strada dei libri della capitale irachena, dove si trova di tutto, dall’Origine della specie ai romanzi ai testi religiosi alla poesia. Ogni venerdì. 

Da vedere

 

Vietnam e Cambogia a Natale

Sono molte le agenzie che propongono viaggi nell’estremo oriente nel periodo natalizio. Dgv Travel per esempio propone un viaggio tra Vietnam e Cambogia per conoscere il meglio dei due Paesi.

Il viaggio è soprattutto dedicato al Vietnam, perché si arriva ad Hanoi, si ammira l’architettura coloniale di questa città, si fa una crociera nella bellissima Ha Long Bay (nella foto sotto), ci si muove verso il centro di questo bellissimo Paese visitando anche Hue e Hoi an, e si arriva ad Ho Chi Min Ville, ex Saigon, per rirovare i fastidella architettura coloniale, e anche per soffrire del traffico caotico di questa città. Dall’ex Saigon si prende un aereo per Siem Reap, in Cambogia, a pochi chilometri dai templi di Angkor, che non dimenticherete facilmente. Il costo non è contenuto: 1720 euro escluso il volo, per 14 giorni in cui sarete assistiti e cocccolati in ogni momento.

 

 

Un viaggio un po’ diverso – ma con tutti gli standard di qualità cui il turista occidentale difficilmente rinuncia – è quello che vi propone “I viaggi del sogno”. Destinazioni in molti Paesi del mondo, compresa la Cambogia e il Vietnam – a prezzi più contenuti e con informazioni e visite un po’ diverse da quelle classiche. Da notare che ogni Paese ha una scheda allegata  con le informazioni a cura di Amnesty International sul rispetto dei diritti umani e non solo. In più, se partite per Natale e prenotate prima del 15 c’è uno sconto di 50 euro.

L’agenzia ha anche inventato “Equotube”, un buono regalo per soggiorni responsabili e altri tipi di regali (cibo, escursioni, ristorazione) promossi nel rispetto dell’ambiente e dei principi del commercio equo. Una bella idea per Natale, alternativa alle troppe smartbox in circolazione.

Se andate in Cambogia, vi consigliamo vivamente di portare con voi la raccolta “Fantasmi. Dispacci dalla Cambogia”, di Tiziano Terzani, edito da Tea e da Longanesi

Dicembre in Laos

Il mese di dicembre è certamente il più asciutto in alcune aree del mondo. Ideale, per esempio, per visitare il Laos, stato privo di sbocco sul mare (se cercate spiagge calde, dunque, non fa per voi) è uno stato del sud-est asiatico che non ha sbocco sul mare. A nord ha la Cina, a est il Vietnam, a sud la Cambogia, a ovest la Thailandia.

Con Vietnam e Cambogia costituiva l’Indocina francese, ed è sicuramente il Paese meno “sviluppato” dei tre. Per questo è anche molto meno affollato di turisti, e ricco di bellezze naturali.

Intanto i fiumi (a partire dal Mekong), e le foreste ricche di fauna (di recente è stato classificato anche un nuovo mammifero volante), che coprono circa il 20 per cento del territorio e sono per la maggior parte inesplorate; e poi i panorami, e la gente, molto ospitale.

In Laos vivono circa 160 gruppi etnici diversi dalle origini molto antiche, ma una volta in questo angolo d’Asia le minoranze erano molte di più.

Quanto alle bellezze costruite dall’uomo, il Wat Phu, a Champasak, è un tempio che rimanda a quelli più conosciuti di Angkor, in Cambogia. L’intera città di Luang Prabang, un tempo capitale del regno di Lan Xang, è stata dichiarata patrimonio dell’umanità. Andando ancora più indietro nel tempo la Piana delle Giare risale all’Età del ferro, circa 2000 anni fa, e fornisce preziose informazioni sulla preistoria di tutto il Sud-Est asiatico. 

 

Iran tutto da scoprire

Nelle ultime settimane molti giornali nazionali e internazionali hanno fatto sapere che il turismo in Iran sta andando molto bene: il Paese è molto visitato, e soprattutto sono in crescita le visite dai Paesi occidentali, perché quelle dal mondo arabo e dall’Asia non sono mai diminuite.

Merito – si dice – della politica “moderata” del presidente Rohani, anche se quel Paese continua ad offrire occasione di notizie molto poco “moderate”, dalla condanna al carcere per una ragazza colpevole di aver voluto vedere una partita di pallavolo alla recente condanna a morte per Reyneh Jebbari, colpevole di aver ucciso il suo stupratore.

 

Il Paese però è certamente ricchissimo di bellezze, e molto accogliente con gli stranieri. Le antiche strutture di Persepolis sono indimenticabili, come pure le bellezze naturali (montagne, il Mar Caspio), il bazar di Isfahan, che in parte risale all’epoca safavide ma anche Teheran, una megalopoli trafficatissima e molto inquinata dotata di una efficientissima rete di trasporti, cinque line di metropolitana, oltre il doppio di Roma.

Il clima del Paese è molto vario: nel nord primavera e autunno sono miti, gli inverni sono freddi e le estati asciutte e calde. Nel sud anche in inverno si sta benssimo.

Alcune regole di comportamento per chi vuole andare, prese dal sito dell’Ente del turismo iraniano, che ha pagine anche in italiano: 

Rispetto al velo islamico è obbligatorio in Iran. Forse i turisti pensano che avere velo è difficile per loro, ma non c’è bisogno di essere preoccupati. In ogni caso, che si dimentica di avere il velo, la pena è solo per ricordare con rispetto e gentilezza per avere il tuo velo.

1) Colore:
Alcune persone pensano che si deve solo indossare abiti scuri in Iran, ma non è vero. Non ci sono limiti di scegliere qualsiasi colore e si può indossare abiti luminosi in estate.

2) Capelli:

I capelli devono essere coperti. Secondo le regole islamiche, ogni donna musulmana deve coprire tutti i capelli, ma non vuol dire che voi, come un turista straniero, dovrebbe riguardare anche tutti i capelli o indossare sciarpa stretta. Se si copre solo la maggior parte dei vostri capelli, che sarebbe sufficiente.
3) Corpo:
I vestiti devono coprire tutto il corpo. Le mani ei piedi devono essere coperti completamente e si può anche usare sandali invece di scarpe.

Cibo:
L’acqua potabile esistono nella maggior parte dell’Iran, soprattutto nelle città si può certamente trovare l’acqua sana e potabile. È inoltre possibile trovare acqua minerale facilmente. I cibi iraniani sono molto delizioso e sano, e sono interessanti per la maggior parte dei turisti. In Iran, mangiare la carne di alcuni animali è vietato e gli animali devono essere uccisi in modo islamico. Bere le bevande alcoliche, è altresì vietato in Iran.
 
Buon viaggio
 

La discarica delle Maldive

Su National Geographic un bell’articolo questa settimana svela quel che i turisti forse non vogliono sapere. O che non possono sapere, perché – come racconta l’articolo – qualche turista, che ci passa davanti, lo ha chiesto.  Risposta: “Non so”, “Non importa, tra poco saremo in paradiso”.

La domanda è relativa a una colonna di fumo denso, all’orizzonte, che si leva da Thilafushi, isola artificiale ad ovest di Malè e soprattutto discarica che brucia rifiuti 24 ore al giorno. L’isola è gestita dalla Thilafushi corporation, che – nel suo sito – si presenta in modo molto pulito. 

Secondo i gruppi ambientalisti brucia a cielo aperto dalle 300 alle 400 tonnellate di immondizia al giorno. Immondizia che proviene soprattutto dai lussuoli resort dell’atollo, oltre che dalla capitale. Tutto viene bruciato assieme, e dunque si brucia amianto, mercurio, lampade, vernice, frigoriferi. Pare che le bottiglie di plastica, gli oli dei motori, i metalli e e la carta vengano separati e inviati altrove. 

Ma – a giudicare dalle immagini girate dalla videomaker Alison Teal – non è così. La Teal, peraltro, andò in un’isola disabitata delle Maldive per un reality show prodotto da Discovery Channel in cui avrebbe dovuto sopravvivere 21 giorni senza acqua né cibo né vestiti portati da casa. La serie di chiama “Naked and afraid”

Scoprì che le Maldive sono piene di plastica, e andò all’isola dell’immondizia. 

Perciò – se state per partire per le Maldive – pensate bene a dove finisce la vostra immondizia. 

 

Malesia, ecoturismo fino a settembre

Un enorme parco nazionale – oltre 4000 chilometri quadrati di foresta della venerabile età di 130 milioni di anni – è solo una delle tante risorse naturali della Malesia, Paese per metà coperto di foreste pluviali ottimo da visitare durante la stagione secca – da febbraio a settembre. Ideale sarebbe visitare il parco – che si chiama Taman Negara –  risalendo il fiume, per potere tentare di osservare specie a rischio di estinzione, comei elefanti, tigri, leopardi e rinoceronti. Non saranno delusi i birdwatchers, viste le oltre 250 specie di uccelli fino ad oggi identificate. Tra le tante, si possono vedere i buceri, leggendari volatili chiamati hornbills per via del loro caratteristico corno d’avorio.

Sempre in Malesia, potrete anche addentrarvi nel salgariano Borne, nell’area del Sarawak, e più precisamente nel Gunung Gading National Park, dove si può ammirare la rafflesia, il fiore piu’ grande del mondo, che puo’ raggiungere un metro di diametro e fiorisce tutto l’anno, ma solo per pochi giorni.

Questo il sito dell’Ente del turismo della Malesia.