Lumi Videla e lo Schindler italiano

11 dicembre 2018

Già altre volte si è accomunata la storia di alcuni eroi italiani a quella del tedesco celebrato nel film di Spielberg, Oskar Schindler. Per questo forse non era il caso di usare per l’ennesima volta questa espressione. Di fatto però la storia di Emilio Barbarani, ambasciatore oggi in pensione, che nel 1974 lavorava all’ambasciata italiana a Santiago del Cile, è simile. In Cile nel 1973 c’era stato un colpo di Stato. L’anno dopo, nel giardino dell’ambasciata italiana, viene ritrovato il cadavere di Lumi Videla, giovane rappresentante del Mir, il Movimento di rivoluzione cileno, uno dei gruppi di estrema sinistra bersaglio del colpo di Stato.

La ragazza era insieme a tanti altri rifugiati politici e la domanda su chi l’ha uccisa ha due possibili risposte: delitto passionale, ad opera di uno dei rifugiati, o delitto politico, ad opera dei servizi segreti del dittatore, proprio per gettare una cattiva luce sulla diplomazia italiana che presta asilo agli oppositori del regime? A indagare sul caso viene inviato, dall’Argentina, proprio il giovane Emilio Barbarani. Il romanzo dunque è questa storia, il racconto di intrighi internazionali e di vicende interne, con personaggi affascinanti.

Barbarani ha deciso di raccontare questa storia solo finita la sua carriera diplomatica, consapevole che quando si fa il diplomatico il riserbo è fondamentale. Ma l’uomo aveva dei valori, quelli trasmessi dalla madre e dalla sua educazione: “Mia madre e i salesiani mi hanno insegnato che i deboli vanno difesi e al forte non va data vinta. Avrei fatto lo stesso nei Paesi comunisti: aiutare chi lotta e rischia per le proprie idee”, ha detto in una intervista a Famiglia Cristiana.

Chi ha ucciso Lumi Videla, Emilio Barbarani, Mursia 

Se vuoi, condividi