Un intellettuale bugiardo

5 luglio 2017

Abbiamo deciso di inserire nella categoria “classici” il libro di cui parliamo oggi, anche se non si tratta davvero di un classico come Moby Dick.

Infatti si tratta di una autobiografia-biografia di Paolo Villaggio, pubblicata pochi anni fa. Villaggio è certamente un classico per il suo Fantozzi, prima uscito in forma cartacea e poi personaggio del cinema.

Come tutti gli attori comici, della commedia italiana, ha sofferto per non essere riconosciuto come autore da premio ed ha avuto premi per altri film – forse anche molto più mediocri, come La voce della luna, film di Federico Fellini in cui recitava con Benigni.

A chi vuole ricordarlo, oltre alla lettura dei suoi Fantozzi, che sono a volte anche più divertenti dei film, consigliamo questo libro: Non mi fido dei santi: autobiografia bugiarda. Pubblicato da Aliberti e scritto insieme a Luca Sommi, consente di leggere i pensieri di Villaggio, il suo cinismo, la sua intelligenza, la sua tristezza, anche.

Leggerlo fa venire in mente le parole di un altro grande personaggio celebrato in questi giorni, da vivo: Vasco Rossi.

Alla domanda se fosse felice ha risposto “felice? Felice è una parola troppo grossa. Diciamo che non posso lamentarmi, ma se potessi lamentarmi…”. Ecco, forse anche Villaggio risponderebbe così. 

Azzurra Mongini

 

 

Se vuoi, condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *