Madre

8 maggio 2016

Cambiò idea sulla visita a sua madre. Le mancava e si sentiva in colpa per non essere riuscito a prendersi cura di lei come avrebbe voluto. Ma una serata da lei avrebbe potuto significare un’altra delle sue lezioni sul prolungato celibato del figlio, terminata poi invariabilmente con il detto confuciano: “Ci sono cose che rendono un figlio indegno, e la mancanza di prole è la più grave”. Non era proprio la serata giusta per quel genere di cose.

(Qiu Xiaolong, “La ragazza che danzava per Mao”)

Le Gocce sono scelte da Mariletta Caiazza

Se vuoi, condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *