Venerdì 30 novembre 2012

A Gary era sempre piaciuto il lavoro fisico, costruire cose, una reazione alla vita universitaria. Condivideva l’idea di Kurt Vonnegut – in realtà era un’idea di Max Frisch – che anziché Homo sapiens avremmo dovuto chiamarci Homo faber. Viviamo per costruire. E’ quello che ci caratterizza. E’ proprio vero, pensò. Immaginare qualcosa, rigirarsela nella testa, accarezzarla mille volte nei sogni, poi concretizzarla nella vita reale. Niente di più appagante.

   (David Vann, “Da dove vengono i sogni”)

Le Gocce sono scelte da Mariletta Caiazza

Se vuoi, condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *