Vuoi ricevere la nostra newsletter?

Perduti nei Quartieri Spagnoli

18 marzo 2019

Una americana con origini indiane, che ha studiato glottologia all’Istituto universitario Orientale di Napoli, è forse la persona giusta per parlare dei Quartieri spagnoli di Napoli tanto da ambientarvi un romanzo.

Si chiama Heddi Goodrich ed a Napoli ha vissuto a lungo. Il romanzo è scritto in un italiano molto letterario ed è – come si legge nelle note della casa editrice – una “doppia storia d’amore” per una città e per una persona.

E’ interessante che a scriverlo sia una donna che non ha radici a Napoli perché forse mai prima d’ora si era descritto con precisione la natura dei rapporti tra donne e figli a Napoli. Un rapporto non facilissimo. Parlare dei “Quartieri” – anche l’aggiunta “spagnoli” pare sia una cosa recente e da turisti, non da autoctoni – e della colorata tribù di fuorisede che la abita vuol dire parlare di sentimenti, origini contadine, realtà ancestrali, ordine della famiglia e della società.

Un romanzo da leggere, soprattutto dovranno leggerlo i napoletani e le napoletane.

Heddi Goodrich, Perduti nei Quartieri spagnoli, editore Giunti

Bookpride

14 marzo 2019

Da domani, a Milano, presso la Fabbrica del Vapore in via Giulio Cesare Procaccini, 4, si celebra una iniziativa che ha come slogan “bookpride”. Si tratta di una fiera dell’editoria indipendente, giunta alla quinta edizione. Una ottima occasione per conoscere le piccole case editrici e i loro autori, sempre meno visibili nelle librerie italiane e ormai reperibili solo attraverso i canali di vendita elettronica come Amazon. L’ingresso alla fiera è gratuito. 200 editori, 250 eventi, per una fiera che quest’anno ha come titolo “OGNI DESIDERIO” nel senso del legame che connette chi scrive a chi legge. Un evento sicuramente significativo si chiama “Il desiderio di non essere indifferenti”: la senatrice a vita Liliana Segre interviene con il sindaco di Milano Giuseppe Sala per raccontare la sua testimonianza e il suo messaggio politico, raccolti da Giuseppe Civati nel libro Il mare nero dell’indifferenza (People) (sabato 16 marzo alle ore 11).
Interessante è anche il ciclo di lezioni d’autore dal titolo “professori di desiderio”, organizzato con la Treccani. Tra li altri: Violetta
Bellocchio e il desiderio di Jane Eyre, dal romanzo di Charlotte Brontë; Giorgio Fontana e il desiderio dell’agrimensore K., da Il Castello di Franz Kafka; Fabio Geda e il desiderio di Asher Lev, da Il mio nome è Asher Lev di Chaim Potok e molti altri. Altro ciclo di incontri quello con autori che parleranno del loro rapporto con il desiderio. Per esempio Dori Ghezzi interverrà in un incontro, che a vent’anni dalla scomparsa di De André, si intitola All’incanto dei desideri;Christian Raimo parlerà del desiderio di uguaglianza a partire dall’articolo 3 della Costituzione.

Infine, sarà una ottima occasione per conoscere autori da altri Paesi. Da Kader Abdolah con il suo ultimo romanzo Uno scià alla corte d’Europa (Iperborea), James Barrat (La nostra invenzione finale, Nutrimenti), il filosofo sudafricano David Benatar, sostenitore dell’antinatalismo (Carbonio), Vanni Bianconi e Xiaolu Guo, tra gli autori di Lucifer over London (Humboldt Books), Peter Cameron che parla del suo ultimo libro Gli inconvenienti della vita (Adelphi).

Una segnalazione italiana è invece per Domenica 17 marzo, alle 17:00: Si parla di «’Stan», nostalgia e Panda. Gli autori Tino Mantarro e Marco Rizzini dialogano con Claudio Visentin.

Tutto il programma e molto altro, qui

Libri e autori a Napoli

11 marzo 2019

I libri tornano a Castel Sant’Elmo, a Napoli, dal 4 al 7 aprile prossimo. La fortezza patrimonio mondiale Unesco ospita infatti NapoliCittàLibro, iniziativa del Salone del Libro e dell’Editoria di Napoli, promossa dall’Associazione Liber@Arte, in collaborazione con il Centro per il libro e la lettura e il Polo Museale della Campania, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e con il patrocinio di AIE – Associazione Italiana Editori, NapoliCittàLibro.

Il tema è quello degli Approdi. un riferimento anche ai temi di attualità – porti, arrivi, partenze. Le sale dell’evento di chiameranno Levante, Ponente e Libeccio, una delle sezioni si chiamerà Àncore, un’altra Sirene.

Ci saranno star dell’editoria come Francesco Piccolo, Gianrico Carofiglio, Giancarlo De Cataldo, Raffaele La Capria, Jhumpa Lahiri, Michele Serra. Ma anche personaggi del mondo dello spettacolo, da Pippo Baudo a Vincenzo Salemme, da
Luisa Ranieri a Renzo Arbore.

Tra gli appuntamenti un incontro su muri, confini e migrazioni con gli storici Carlo Greppi e Giovanni De Luna (domenica alle 12.30, Sala Ponente). Di informazione e verità parlerà Alex Zanotelli, (venerdì alle 17, Sala Libeccio).

Se preferite gli autori, invece, da non perdere l’incontro con Jhumpa Lahiri (domenica alle 11.30, Sala Ponente), quello con l’ex magistrato Gianrico Carofiglio (venerdì alle 18, Sala Rosa dei venti), quello con Francesco Piccolo (sabato alle 18, Sala Rosa dei venti).

Per chi ama la poesia, e meno la folla che inevitabilmente ci sarà per i best seller, al Salone arrivano anche I poeti dello Specchio, la più famosa collana italiana di poesia che, dal 1942, dà voce a classici e sperimentatori. Due i reading d’eccezione proposti al pubblico: Roberto Deidier, Giancarlo Pontiggia ed Elio Pecora, che per il compleanno di quest’ultimo uniscono alla celebrazione della materia poetica una sorpresa speciale (venerdì alle 19, Sala Levante), e Fabrizio Bernini, Maurizio Cucchi e Davide Rondoni, impegnati in un intreccio di voci esempio di un lirismo sempre nuovo e affascinante (sabato alle 19, Sala Levante).

Gli appuntamenti comunque sono moltissimi. Qui tutte le informazioni

ottomarzo

Ripubblichiamo oggi una Goccia del 7 marzo 2017

Si sentiva staccata dalla famiglia. Trovava strano che, dopo tante premure prodigatele da piccola, a un certo punto (prestabilito) quel flusso di affetto si fosse arrestato e fossero invece iniziate le pretese. Era come se, in una prima fase, alquanto breve, una fosse tenuta ad assorbire amore (fino alla sazietà) e poi, per un periodo assai più lungo e serio, una fosse tenuta a soddisfare certe aspettative.

(John Irving, “Il mondo secondo Garp”)

Le Gocce sono scelte da Mariletta Caiazza

I veri padroni del calcio

7 marzo 2019

Sarà capitato a molti, anche non appassionati di calcio, di notare la quantità impressionante di loghi commerciali che appaiono quando ci sono partite: quelli allo stadio, quelli sulle casacche degli atleti, quelle dietro gli atleti quando concedono interviste televisive. E poi ogni evento è un evento di business: molti avranno notato che uno degli sponsor principali della Champions League, la competizione tra le più forti squadre europee, goda della sponsorizzazione di Gazprom, il gigante dell’energia della Russia. In breve insomma quello del calcio non è solo un gioco per grandi e piccini ma un grande business. Si stima che in Italia crei circa 13 miliardi di euro di fatturato. Per capire dunque il sistema economico del calcio oggi vi consigliamo un libro scritto da Marco Bellinazzo, un giornalista del Sole 24 Ore che ha scritto molti libri sull’argomento. Il più recente, uscito nel 2017, si chiama “I veri padroni del calcio. Così il potere e la finanza hanno conquistato il calcio mondiale”:

Si afferma che il calcio è la “nazione più potente che sia mai apparsa nella storia” e forse è una esagerazione. Ma è certamente interessante analizzare il fenomeno calcio e i suoi intrecci con potenze economiche come quelle dei Paesi del Golfo o gli stessi oligarchi russi.

I veri padroni del calcio, Marco Bellinazzo, Feltrinelli, 2017

Le Case del malcontento

4 marzo 2019

Sacha Naspini è un autore grossetano che dopo molta gavetta è approdato ad una casa editrice importante come e/o. Scrive anche per il cinema e ne parliamo oggi per un romanzo uscito lo scorso anno, Le Case del malcontento. Le Case è un borgo dell’entroterra maremmano.

E’ il teatro in cui si muovono diversi personaggi e in cui arriva uno che lì è nato e che è stato via per un bel po’. La scrittura fa capire che l’autore ha familiarità con il cinema, perché la vita prosegue uguale a se stessa fino a che non arriva l’estraneo – Samuele, si chiama – che ovviamente dà il via al cambiamento della quotidianità e al romanzo. Che è anche un campionario di figure, di storie, di possibili rivoli che aprono altre storie.

Il romanzo è un thriller, fa anche un po’ paura in alcuni momenti come può far paura la provincia sperduta, come può far paura un posto abbandonato. C’è il segreto indicibile, c’è la storia d’amore, c’è un uso della lingua italiana e del dialetto molto precisa.

Un giornale ha definito il romanzo “una spoon river maremmana”.

Le Case del malcontento, Sacha Naspini, edizioni e/o, 2018

 

Avvertenza per chi vola

3 marzo 2019

Anche se spesso i turisti viaggiano senza occuparsi di quel che succede nel mondo, compreso il mondo che visitano, è il mondo ad occuparsi comunque di loro. Sono migliaia da giorni i turisti i cui voli stanno subendo cancellazioni e ritardi da giorni.

Si trovano tutti nel sud-est asiatico, in particolare in Thailandia, all’aeroporto di Bangkok, perché da qualche giorno lo spazio aereo pakistano è chiuso ed è chiuso anche lo spazio aereo del Kashmir.

C’è una forte tensione proprio sul Kashmir, tra India e Pakistan, e per prima la compagnia aerea Thai ha deciso di annullare i suoi voli. Così circa 4000 passeggeri in due giorni si sono trovati a dover rimanere all’aeroporto di Bangkok invece di poter partire.

E anche nei prossimi giorni non mancheranno i ritardi. Anche il sito Viaggiare sicuri del Ministero degli Esteri dà l’annuncio. Insomma: se state per partire per andare da quelle parti, tenetelo presente.

La dieta della longevità

1 marzo 2019

Siete stanchi di regalare o ricevere libri di cucina? Provate con un libro dedicato a come mangiar bene. Si chiama “La dieta della longevità” ed è scritto non da un cuoco o da uno stregone.

Valter Longo per l’esattezza fa o scienziato. Il libro, pubblicato da Vallardi, viene presentato come la “più grande scoperta scientifica nel campo dell’alimentazione dalla massima autorità mondiale”. Siete autorizzati a diffidare. Il libro però è interessante perché offre un quadro delle scoperte scientifiche su benessere, malattie ed alimentazione ed offre utili suggerimenti con la cosiddetta “dieta mima digiuno”.

Mangiare poco solo alcuni giorni al mese per prevenire le malattie e combattere l’invecchiamento. Usando le conoscenze che si hanno sulle diete delle popolazioni più longeve.

Longo è un biochimico, vive e lavora da tempo negli Stati Uniti, è genovese di nascita.

La dieta della longevità, Vallardi, Valter Longo

Scalare vette mortali

28 febbraio 2019

Daniele Nardi è l’alpinista nato in un piccolo paese laziale e le cui tracce sono perse da giorni. Qualche giorno fa ha iniziato un tentativo di arrampicata sul Nanga Parbat. Nardi ha un blog e si presenta a chi non lo conosce con una frase, “La vita è avere coraggio e affrontare l’ignoto”, tratta da un film americano di qualche anno fa, I sogni segreti di Walter Mitty. E’ la storia di un uomo che sogna di essere diverso da quel che è. Non sappiamo perché abbia scelto questa frase ma di certo Nardi non si è limitato a fare sogni segreti. Ha scalato l’Everest e il K2 e numerose volte ha toccato gli ottomila.

Il Nanga Parbat, che si trova in Pakistan, non è la più alta montagna del mondo ma ha un record raggelante: l’indice di mortalità. Il 28 per cento di quelli che hanno provato a scalarla sono morti. Senza contare quelli che hanno lasciato perdere. La vetta si trova in Kashmir, zona che proprio in questi ultimi giorni è praticamente in guerra. C’è infatti da giorni una forte tensione tra India e Pakistan e molte zone sono interdette al traffico aereo. Questo ha anche ritardato la partenza di voli di ricognizione.

Chiaramente non ne parliamo qui come località turistica per tutti. Per chi però ami la montagna, qualcosa da sapere c’è. Intanto il periodo migliore per andarci è da marzo fino a settembre. E poi ci sono percorsi di trekking, non adatti a tutti ma possibili. In questo caso però oltre al passaporto e al visto per il Pakistan, vi servirà un permesso per il trekking, rilasciato dal Ministero del Turismo Pakistano.

A meno che non andiate in quelle che sono chiamate “zone aperte” dove non serve né permesso né guida. Infine, a Roma e Milano esistono agenzie di viaggi specializzate in località come l’Himalaya. Per capire di cosa parliamo, comunque, una camminata molto amata dai locali parte da Tatto Village, ultima località raggiungibile con mezzi a motore. Da qui, camminando 4 ore, si arriva a 3300 metri, ai”Prati di fiaba”,un parco nazionale. Ci sono anche dei cottage per dormire. Poi si può arrivare ad uno dei campi base del Nanga Parbat, camminando circa 10 ore. Qui avrete di fronte una delle altissime pareti del Nanga Parbat.

E’ estate in Uruguay

23 febbraio 2019

E’ ancora estate fino a marzo in Uruguay. L’estate è ovviamente la stagione più soleggiata e per il turismo balneare sono i primi mesi dell’anno i migliori. Le spiagge del Paese sono sull’Oceano Atlantico, dunque non aspettatevi temperature dell’acqua mediterranee o caraibiche. La temperatura media in questo periodo è di circa 23 gradi, e questo vale fino alla fine di marzo. Portate comunque un ombrello perché i giorni di pioggia potrebbero capitare e una felpa leggera per le serate, con l’aria un po’ più fresca.

Il Paese non ha grandi rilievi, dunque la temperatura non ha grandi sbalzi tra l’interno ed il litorale. Montevideo è una metropoli, con quasi due milioni di abitanti ed è considerata, tra le capitali latinoamericane, quella con la migliore qualità della vita. E’ su una sponda del Rio de La Plata, lo stesso fiume su cui, a qualche centinaio di chilometri, sorge Buenos Aires. La città è soprattutto fatta di edifici che vanno dal 1800 ai giorni nostri. La cattedrale è stata costruita alla fine del 1700, l’attuale museo storico è un edificio coloniale in stile neoclassico dei primi del 1800. Non manca un museo Garibaldi, visto che il nostro patriota fu da quelle parti prima di iniziare la sua avventura in Italia.

Quanto alle spiagge, Punta el Este è una di quelle che troverete in tutti i consigli di viaggio. Oltre che per essere considerata la spiaggia dei vip, questa zona comprende diversi tratti di spiaggia per tutti i gusti.

Da segnalare però anche, per chi ama la natura, l’area marina e riserva naturale di Cabo Polonio, nella parte est del Paese, sempre lungo l’Atlantico, zona di protezione per una grande colonia di leoni marini nel loro habitat naturale. Di solito nelle rocce vicino al faro di Cabo Polonio , e le femmine rifugio stagione di parto con i loro giovani sulle isole vicine.

Per informazioni su questo luogo e su altre località nella regione di Rocha, questo è il sito internet.
Questo invece l’indirizzo dell’ente del turismo dell’Uruguay
Il modo più diretto di arrivare in Uruguay è partire da Madrid, che offre due voli diretti al giorno. Dalle altre capitali dovete fare scalo da qualche parte.