Con Hornby a Pordenone

L’appuntamento è con Pordenone Legge, una delle tante manifestazioni di libri nel nostro Paese, una delle più longeve e ben riuscite. Il 20 settembre prossimo Nick Hornby – in collegamento – sarà intervistato da Alberto Garlini per parlare del suo romanzo – una storia d’amore – l’esaurimento di un matrimonio, con inizio dedicato alla visita da uno psicologo di coppia –  e la Brexit in sottofondo,. che in fondo è pure una specie di divorzio.

Il romanzo si chiama Lo stato dell’unione ed è l’ultimo di questo brillante e prolifico scrittore, un romanzo fatto quasi tutto di dialogo, “acuto”, come spesso scrivono di lui le recensioni dei grandi giornali anglosassoni.

Hornby ha scritto romanzi che hanno raccontato spesso con innegabile efficacia i nostri tempi e i nostri sentimenti. L’appuntamento di Pordenone si potrà seguire anche in diretta streaming, a questo indirizzo.

I consigli degli Istituti italiani di cultura

Video-consigli di lettura provenienti dagli Istituti Italiani di Cultura partner de Il maggio dei Libri, attivissimi fin dall’inizio della campagna: Copenaghen, Helsinki, Madrid, Monaco di Baviera, Oslo, Rio de Janeiro, San Francisco, Stoccolma, Tirana, Varsavia. E’ una iniziativa della rete del “maggio dei libri”, promossa in epoca di lockdown ed estesa in questi mesi estivi. Ai direttori degli Istituti è stato chiesto di segnalare due libri, uno di un autore italiano e uno del Paese in questione, dai quali trarre spunti e riflessioni utili a pensare al futuro in modo costruttivo e positivo, conservando inalterata la curiosità verso le altre culture e il desiderio di scoperta che solo la lettura riesce a colmare.

Il risultato è un “viaggio letterario” via social iniziato il 30 luglio con i consigli dell’IIC di Monaco di Baviera, Heimat (Nora Krug) e L’eco di uno sparo (Massimo Zamboni), per poi passare all’IIC di Tirana, martedì 4 agosto, per una riflessione su Ognuno Impazzisce A Modo Suo (Stefan Çapaliku) e Dodici rose a Settembre (di Maurizio de Giovanni) fino ad arrivare, giovedì 6 agosto, a Madrid, dove la direttrice dell’IIC parlerà del romanzo Dio nella macchina da scrivere di Irene Di Caccamo e dei libri di poesia di Pilar Adón, La hija del cazador e Mente animal, ma la programmazione proseguirà fino a metà settembre.

Una nuova guida per la Toscana

Una guida appena pubblicata per visitare la toscana: la guida, realizzata da Toscana Promozione Turistica e Regione Toscana dal titolo ‘Toscana Contemporanea’, è un modo per conoscere gli eventi e i luoghi artistici in una settantina di comuni della regione. E non solo quelle arcinote e storiche ma anche molte esperienze artistiche di rilievo e realizzazioni architettoniche significative degli ultimi decenni, in grado di tracciare linee di “continuità” o di rinnovamento rispetto alle evidenze del ricchissimo passato. Dunque musei ma anche edifici, spettacoli e festival e persino cantine. Le sezioni sono sette, la guida ha anche una mappa indicativa e segue un percorso circolare, dal capoluogo regionale alla costa e verso l’interno, in modo tale da suggerire possibili percorsi di visita. Intento: proporre attraverso una nuova ottica i luoghi suggestivi e unici della Toscana. Nuove forme di percorribilità della Regione dove il turista entra in condivisione con questo patrimonio e le sue opere diffuse attraverso percorsi turistici tematici che diventano vere e proprie motivazioni di viaggio.

Trekking, ricominciare a camminare

Se state cercando idee di viaggio, anche questa vacanza è lontana dai rischi di assembramenti: : sul massiccio del Monte Tosa, tra roccia e ghiaccio, tra passi e valichi , tra le regioni Piemonte e Valle d’Aosta. Sei giorni, per una quota di partecipazione per persona di poco più di 1600 euro,  avrete una guida di montagna certificata locale per i 6 giorni di trekking; 5 pernottamenti durante il trekking con trattamento di mezza pensione; 2 notti in hotel zona Alagna con trattamento di pernottamento e colazione, la funivia ad Alagna, una assicurazione medico bagaglio base. Dovrete aggiungere il costo per raggiungere la destinazione di partenza e i pranzi al sacco.

Se invece volete una esperienza diversa, ecco la “Piccola Santiago”: si fa un percorso di pellegrini partendo da Lucca per arrivare a Pistoia, passando per posti come Collodi, Pescia, Montecatini. All’arrivo, se vi interessa, avrete anche un documento in latino che certifica il vostro pellegrinaggio e l’arrivo al cospetto di San Jacopo.

Sei giorni, con partenze il 9-14 AGOSTO; 29 AGOSTO – 3 SETTEMBRE; 20-25 SETTEMBRE 2020. La quota di 840 euro comprende la guida locale per il cammino, i pernottamenti e la colazione in camera doppia, cinque cene e cinque pranzi al sacco, una auto di supporto al seguito per trasporto bagagli o assistenza, il treno per riportarvi a Lucca da Pistoia alla fine del cammino, l’assicurazione medica. A vostro carico la spesa per raggiungere Lucca e tutto quello che non è espressamente previsto.

Info

ADVENTURE OVERLAND di Overland Network srl Viale Onorato Vigliani 21, 20148 MILANO Tel: 02 33609360 – Fax: 02 87234656W: www.overland-viaggi.com/italia/ – @: info@overland-viaggi.com

Rainbow milk, esordio notevole

rainbow milk libro giamaica sesso geova

Dicono che si tratti di un esordio notevole.

Persone di colore nell’Inghilterra degli anni cinquanta e persone di colore nell’Inghilterra di oggi.

Il libro – uno dei più consigliati dalle pagine culturali dei giornali britannici – si chiama Rainbow Milk e non è uscito in Italia.

E’ scritto da Paul Mendez e anche il modo in cui è scritto è stato molto apprezzato dai critici.

Si parla di razza, sessualità, solitudine, religione e integralismo, peccato, nella Londra di oggi e in quella di settanta anni fa.

La lingua usata è varia, a seconda dei caratteri, con una impronta giamaicana di fondo, terra che Mendez conosce. L’autore ha messo anche un po’ di sé in questo romanzo.

Su Goodreads le recensioni sono quasi tutte entusiastiche, provate a leggerlo in lingua originale o aspettate la traduzione, se qualcuno deciderà di portarlo in Italia.

Sul castello che guarda Lerici

 

Si può di nuovo viaggiare. Se andate in Liguria non mancate di andare sul castello San Terenzo, che domina l’omonimo borgo marinaro, una frazione di Lerici, in provincia di La Spezia.

Una fortificazione, niente di originale per noi italiani:  una doppia recinzione con finalità difensiva, recentemente restaurato. Risale al dodicesimo secolo.

Ma la vista da quel castello è su uno specchio di mare da sogno e dopo tanti giorni fermi, quella vista restituisce vita a chiunque. Il castello riaprirà al pubblico il 7 giugno e solitamente d’estate ospita anche manifestazioni artistiche e culturali. I ristoranti in zona non mancano. Indimenticabile la spiaggetta – minuscola – dietro al Castello.

Camminata (non passeggiata) sul Circeo

Escursioni, anche con il Covid si può. Federtrek ricomincia ad offrire percorsi di trekking in giro per l’Italia. Il 2 giugno, martedì, per esempio c’è un “classico”, un “bel giro panoramico” con vista mare e non solo. E’ giro del Circeo e della torre di Circe. Si sale da Torre Paola e lì si ritornerà dopo un breve giro ad anello, che è abbastanza impegnativo sia come salita che come discesa. Non è una passeggiata, è un percorso che richiede preparazione ed è sconsigliato a chi soffre di vertigini. Sono 7 chilometri, che si percorrono in sei ore.

Per info e soprattutto per fare la tessera, con la quale non si paga i contatti sono

AEV Gianni Onorati 3283712494 GAE Svetlana Djakovic 3664334356

PER PRENOTARSI: INVIARE UN MESSAGGIO SU WHATSAPP AL NUMERO 3283712494

Ovviamente NON si può prendere parte all’escursione per una qualsiasi delle seguenti ragioni:
· se prima di una escursione si lamentano sintomi di infezioni respiratorie (febbre, tosse, raffreddore);
· se si ha avuto contatti con persone affette da COVID-19 nei 15 giorni precedenti l’escursione; · se non si è prenotata per tempo la partecipazione all’escursione (non è possibile partecipare in quanto le misure di sicurezza e lo svolgimento delle escursioni sono state organizzati sulla base del numero dei prenotati).
Per partecipare avere con sé almeno una mascherina e una di ricambio e una soluzione alcolica e mantenere sempre la distanza di sicurezza di 1 metro quando si sta fermi o troppo vicini. Si può camminare senza mascherina se si rispettano almeno due metri di distanza dagli altri.

Un seminario con la Dunne

dunne webinar viaggi libri

 

dunne webinar viaggi libri
Ecco l’appuntamento di domani

Guanda Editore consiglia nel suo profilo Twitter questo incontro, o webinar, come si dice di questi tempi, ovvero un seminario via web. A confrontarsi con la Dunne è un’altra scrittrice, Mia Gallagher per scoprire nuovi libri da leggere. La Gallagher ha vinto diversi premi tra letterari cui l’Irish Tatler Women of the Year 2007 per HellFire . La Dunne è più nota in Italia. Per partecipare al dibattito online occorre entrare via Facebook

Qui tutte le altre info.

Torniamo timidamente…

Cari lettori

torniamo timidamente a pubblicare dopo una lunga pausa. Per i manifesti programmatici vi rimandiamo a tra qualche giorno. Per il momento vogliamo solo battere un colpo, dirvi che siamo tornati. Vogliamo continuare a suggerire libri e viaggi, e ci sembra che questo sia il momento buono. Forse avremmo dovuto iniziare prima ma ci abbiamo pensato e lo facevano in troppi. Ora ci riproviamo. Seguiteci, se potete.

Inquietanti peluches

8 ottobre 2019

Rassicuranti come qualsiasi peluche, ma inquietanti come i controllori di qualche romanzo distopico: si chiamano Kentuki e si pronunciano così, sono i protagonisti del romanzo di Samanta Schweblin, hanno le forme più varie – draghi o topi, corvi o civette – e pesano al massimo due chili, due chili di peluche e plastica come si legge nel romanzo. Ma il kentuki ha una telecamerina e una connessione wifi. L’aquirente deve decidere se essere un kentuki o avere un kentuki. Se spiare nella vita di un altro o essere spiato. La connessione tra i due è casuale. La storia di queste connessioni è la storia del romanzo. E’ambientato ovunque, perché da Tel Aviv posso vedere quallo che sucede in una casa di Buenos Aires. Secondo gli estimatori la scrittura di Samanta Schweblin, che è argentina, giovanissima e già pluripremiata, è una scrittura che può far male per quanto è bella.
Qui – dal suo profilo Twitter – i suoi prossimi appuntamenti.

Samanta Schweblin, Kentuki, Sur Editore